Termiti del legno secco

Le termiti del legno secco sono insetti del legno, chiamati anche isotteri, molto diffusi nelle regioni tropicali e temperate del pianeta, particolarmente nocivi per le abitazioni dato che si nutrono prevalentemente di legno, mettendo a rischio pertanto tutto ciò che di questo materiale è fatto.

Vivono in grandi colonie che possono arrivare a comprendere milioni di esemplari e sono la causa del deterioramento di tavoli, sedie, armadi al punto che spesso è necessario affidarsi all’opera di specialisti della disinfestazione per evitare danni davvero gravi.

 

Le termiti del legno secco: morfologia

Le termiti del legno ricordano nella forma delle grandi formiche che, grazie alla struttura della mandibola, sono in grado di masticare il legno nutrendosi della cellulosa. termiti o formiche alate

Inoltre presentano due grandi ali e sono di colore da bruno a rossiccio e giallastro da adulte,  mentre le larve sono bianche

Si presentano tuttavia con caratteristiche fisiche piuttosto variegate.

Oltre alle termiti del legno secco esistono anche le termiti sotterranee, presenti nella terra, che si nutrono prevalentemente di legno umido e prediligono gli ambienti con tasso di umidità maggiore.

Dato che si nutrono di legno, la presenza delle termiti in casa e in appartamento può essere davvero pericolosa. Attaccano infatti tutto ciò che è costituito da questo materiale, in modo particolare quando è molto secco: parquet, mobili, porte, serramenti e travi del tetto. Ma anche pareti divisorie e in generale tutte le strutture in legno, anche esterne come le recinzioni.

Si tratta di insetti definiti sociali perché la struttura di ogni colonia è ben organizzata secondo differenti compiti e funzioni cui sono adibiti i singoli membri.

Sono presenti il re e la regina, che dotati di ali, lasciano la colonia originaria per fondarne una nuova, nidificando in un nuovo ambiente con caratteristiche adatte alla proliferazione e allo sviluppo dei nuovi esemplari. 

Nella colonia le termiti operaie sono quelle più numerose che si occupano del lavoro vero e proprio: mangiano il legno, scavano le gallerie. Sono quindi le artefici dei maggiori danni arrecati alle abitazioni. Ci sono poi i soldati, che sono le termiti adibite alla difesa della colonia dagli attacchi dei predatori, e infine le termiti alate che sono i futuri fondatori di nuove colonie.

Come individuare l’infestazione delle termiti del legno secco

termiti del legno foto

Trattandosi di insetti dalle dimensioni molto ridotte, il rischio è quello di non accorgersi della loro presenza o di scambiarle per formiche, fino a quando la situazione diventa davvero grave. La presenza di buchi nelle travi e nei mobili in legno infatti indica solitamente una situazione interna del legno già molto compromessa.

L’unico modo per tentare di individuare la presenza delle termiti prima che una tale situazione si verifichi è quello di cercare la presenza delle ali staccate, degli escrementi che producono o di una polvere di legno finissima sotto i mobili, negli angoli e nelle fessure del pavimento. Solo così è possibile pianificare interventi mirati e preventivi, per evitare che la situazione degeneri rovinando irrimediabilmente i mobili e le strutture.

Come intervenire per eliminare le termiti del legno secco

Nutrendosi del legno a partire dall’interno, ciò che rimane con il tempo è letteralmente del legno vuoto. I danni sono quindi notevoli, non solo in ambito domestico, ma anche aziendale. Bussare con le nocche sulla superficie potrebbe essere un modo per tentare di capire se l’infestazione è in atto. Un suono vuoto infatti potrebbe indicare una situazione già in fase avanzata.

Occorre allora intervenire in modo rapido ed efficace. Le termiti infatti sono insetti particolarmente voraci e possono mangiare fino a 6 grammi di materiale ciascuno nell’arco di 24 ore. I metodi per eliminarle prevedono l’utilizzo di sostanze chimiche e velenose che vengono iniettate nel legno. Per questo motivo è sempre consigliabile l’intervento di disinfestazione termiti del legno da parte di professionisti che sono in grado di controllare l’infestazione limitando al necessario l’utilizzo delle sostanze chimiche assicurando il minor impatto ambientale possibile e risultati duraturi.